Backup WordPress: Perchè farlo?

Il backup è un qualcosa che va fatto prima per beneficiarne dopo

Il backup è una di quelle cose che più copie si hanno e meglio è. Hai letto bene più copie! Averne una sola non vuol dire stare tranquilli e soprattutto meglio avere le copie su dischi diversi. Uno dei motivi di fare un backup potrebbe essere che dopo aver fatto un aggiornamento, qualcosa è andato storto e si è danneggiato qualche file, o nel peggiore dei casi un attacco hacker. Quello che vi consiglio è sviluppare il vostro sito/blog prima in locale con Xampp o altri programmi e poi passare tutto online, così in futuri aggiornamenti della piattaforma o modifiche potrete testarle affondo per poi passare online, se sei interessato clicca qui per scoprire come impostare il tuo ambiente in locale.

Come effettuare il backup WordPress?

Si può effettuare sia tramite l'hosting in modo automatico o manuale, sia con plug-in

Ormai tutti i servizi di hosting offrono la possibilità di backup Wordpress, però è davvero necessario spendere ulteriori soldi? Ni. Dipende da vari fattori, dal tipo di cliente dal budget. Se si tratta di un semplice sito magari potete anche risparmiarvelo, in caso di blog o ecommerce direi che è quasi obbligatorio investire questi soldi. Questo non vuol dire non farsi delle proprie copie di backup.

Qual'è il metodo consigliato?

Quello che trovi più semplice, sicuro ed immediato

Personalmente ho avuto modo di utilizzare tutti e tre i metodi, cioè backup via hosting auto/manuale e plug-in. Questo perchè come detto in precedenza dipende dal tipo di sito. Quello che preferisco è tramite un plug-in che ti permette di importare l'intero sito più il db e collegare tutto senza preoccuparsi di cambiare le impostazioni dal file wp-config.

Qual'è il metodo Hosting?

Quello più faticoso ma anche il più sicuro

Mettiamo subito in chiaro una cosa, non sempre il backup del sito coincide con il db, quindi attenzione in caso di dubbio chiedete all'assistenza del vostro provider.

Il metodo automatico che poi coincide con quello manuale, perchè andrete comuncque a scaricare i file sulla vostra macchina, il vantaggio è che avrete sempre una copia online. Non si fa altro che entrare nell'ftp e scaricare la cartella di installazione del proprio WP, per poi salvarlo e all'occorrenza utilizzarlo. Quando si acquista il backup tramite hosting all'interno dell'ftp comparirà almeno un altra cartella (questo dipende se acquisterete il backup settimanale, giornaliero o entrambi). Ricordate di fare sempre una copia del vostro db in quanto è fondamentale per i CMS. Inoltre ci sono alcuni provider che permettono il backup tramite il pannello di controllo e quindi anche il ripristino il tutto con pochi click, quindi scegliete con cura il vostri hosting.

Quindi ricapitolando non si fa altro che scaricare la cartella dal vostro ftp, il vantaggio di acquistare il backup non è altro che avere una copia sempre aggiornata ed online.

Qual'è il metodo plug-in?

Quello più veloce, ma non sempre funziona (almeno per quanto mi riguarda)

Personalmente mi affido ad un plug-in che come detto in precedenza è ottimo anche per passare un sito da offline a online, in quanto permette di fare il backup del sito più il db e in caso di passaggio da locale ad online convertirà tutti i link, configurazione del file wp-config e di tutti i percorsi dei link, diciamo una manna dal cielo e soprattutto è anche veloce, di contro ha solo una sciocchezza, non sempre ha funzionato e sono dovuto ricorrere al metodo manuale, il plug-in per backup in questione si chiama All-in-One WP Migration.

Anche per questo articolo è tutto, ricordate fare il backup WordPress è un obbligo è va tenuto aggiornato.